Posizione:

Un viaggio nella storia di Antigua e Barbuda

-
Un viaggio nella storia di Antigua e Barbuda

Uno dei classici per comprendere la storia di Antigua e Barbuda e – più in generale – dei Caraibi è A Brief History of the Caribbean di Jan Rogozinski. Secondo quest’opera, poterono più le malattie portate di nostri avi europei che altro a sterminare gran parte della popolazione nativa. Chi fossero gli abitanti di Antigua e Barbuda di allora è un po’ difficile da capire. Gli esploratori spagnoli non erano molto bravi nel distinguere fra i vari gruppi etnici e, grosso modo, racchiude la varietà delle popolazioni del luogo in due gruppi: gli Arawak e i Caribe. I primi furono cacciati dall’isola di Antigua dai secondi intorno al XII secolo e i pochi che rimasero ebbero la peggio.
Ma se si vuole, si può andare ancora indietro nel tempo, intorno al 3000 a.C., periodo a cui risalgono i primi insediamenti abitativi dei cosiddetti Ameridi. A questi seguirono i Saladoidi, quindi i nostri Arawak e Caribe. E agli Arawak che si deve l’introduzione dell’agricoltura fra Antigua e Barbuda. Alcune delle specie introdotte da questo gruppo etnico sono importanti ancora oggi.
Così come gli Arawak vennero dal Venezuela, così, da abili costruttori di navi quali erano, loro e i Caribe emigrarono in Sudamerica, in particolare in Brasile, Venezuela e Colombia. 
Poi venne il 1493, l’arrivo di Colombo, degli spagnoli e delle loro malattie. Antigua molto probabilmente ha preso nome dalla Virgen de la Antigua, la statua della Vergine presso la cattedrale di Siviglia cui Colombo era devoto.  Comunque, i caribe opposero una strenua resistenza ai colonizzatori che cadde definitivamente con l’arrivo degli Inglesi due secoli dopo. Antigua e Barbuda divenne così area di coltivazione di tabacco, zucchero, indaco, zenzero. E poiché serviva manodopera, servivano schiavi, molti schiavi, al punto che servì trasformare Barbuda in un granaio per poterli sfamare. Fra chi ha legato il loro nome a queste isole, c’è anche Horatio Nelson, l’ammiraglio che sconfisse Napoleone a Capo Trafalgar.
Antigua e Barbuda ottennero l’indipendenza definitiva dalla corona inglese solo nel 1981, pur restando membro del Commonwealth. In mezzo non c’è molto da raccontare: è una storia da vivere nei suoi luoghi.



Utilizziamo i cookie tecnici per garantire una migliore esperienza sul sito. Continuando la navigazione, si accetta di ricevere tutti i cookie presenti nel sito. Ulteriori informazioni ok